Kraken

Che cos'è Ethereum? (ETH)

Guida per principianti a ETH


Uno dei progetti di blockchain più ambiziosi, Ethereum (ETH), intende impiegare la criptovaluta per decentralizzare prodotti e servizi in un'ampia gamma di casi d'uso al di là del denaro. 

Se Bitcoin vuole fungere da "oro digitale", Ethereum ha adottato un approccio diverso, generalizzando in modo che i suoi utenti possano creare un numero qualsiasi di asset e programmi personalizzati che ne regolano il funzionamento.

Questo ha portato a paragoni, forse imperfetti, secondo cui Bitcoin è più simile alla posta elettronica (uno strumento molto potente e utile in casi specifici), mentre Ethereum somiglia più a un browser, il cui obiettivo è abilitare l'uso di programmi con cui gli utenti possono interagire e creare.

Questa analogia è efficace per comunicare l'ambito di applicazione di Ethereum, in quanto il suo team ha creato la propria macchina virtuale e il proprio linguaggio di scripting (necessari per eseguire i programmi), raccolta fondi attraverso la vendita della propria nuova moneta (ether) e introdotto un concetto chiamato "stato" nelle criptovalute. 

In parole povere, Ethereum tiene traccia dei cambiamenti (le transazioni confermate sulla blockchain) e dei potenziali cambiamenti che devono ancora avvenire (lo stato), una differenza che sta al centro della sua visione. 

Su Ethereum, queste funzioni di calcolo in più fasi sono chiamate "smart contract". Le costruzioni più grandi di molti smart contract, a loro volta, sono chiamate applicazioni decentralizzate (dApp). 

Sebbene oggi questi programmi siano primitivi, si ritiene che un giorno potrebbero essere utilizzati per creare software che imitino il comportamento di alcune delle più grandi aziende digitali del mondo. 

Amazon, ad esempio, può essere considerato una sorta di servizio di stato che mette in contatto gli acquirenti, tramite una semplice interfaccia web, con un inventario enorme e in continuo aggiornamento memorizzato su alcuni database. In questo caso, un'azienda a scopo di lucro svolge il ruolo di intermediario e di gestore della tecnologia. 

Ethereum, in questo senso, può essere visto come un primo tentativo di utilizzare le criptovalute per creare mercati competitivi in grado di regolare diverse parti di questi servizi, al momento monopolistici.

Nel 2020 gli sviluppatori di Ethereum erano nella fase iniziale di realizzazione di questa idea, che prevede la preparazione di una revisione del codice di base chiamata "Ethereum 2.0", che introdurrà nuovi cambiamenti.

What is Ethereum (ETH)?


Chi ha creato Ethereum?

Ethereum nasce da un'idea dell'allora ventenne russo-canadese Vitalik Buterin. 

Buterin dice che l'ispirazione per creare Ethereum è arrivata dopo aver capito che sarebbe stato possibile applicare il design del Bitcoin in modo più ampio per mitigare gli "orrori" dei servizi web centralizzati. 

In un famoso esempio, Buterin ha citato i disagi subiti giocando al popolare gioco online World of Warcraft, in quanto all'epoca gli sviluppatori potevano apportare modifiche arbitrarie nonostante i desideri degli utenti fossero altri. 

In seguito Buterin ha ricevuto una borsa di studio Thiel per dedicarsi a Ethereum a tempo pieno. Così, si è messo al lavoro per creare un'organizzazione no-profit che aiutasse nel lancio del progetto. All'inizio del 2014, la Ethereum Foundation ha venduto 72 milioni di ETH in una vendita online che ha generato circa 18 milioni di dollari di finanziamenti per l'iniziativa. 

Ethereum ha continuato ad attirare una comunità di utenti appassionati, molti dei quali continuano a guidarne, ancora oggi, lo sviluppo. 

Altre figure di spicco della comunità sono: 

  • Gavin Wood – Autore dello yellow paper su Ethereum che specifica la sua macchina virtuale

  • Jeff Wilke – Creatore della prima implementazione software di Ethereum 

  • Joseph Lubin – Fondatore di Consensys, un importante incubatore di investimenti in Ethereum 

  • Vlad Zamfir – Crittografo focalizzato sullo sviluppo di protocolli e sulla teoria dei giochi.

Un elenco più dettagliato dei fondatori e dei collaboratori è disponibile sulla Wikipedia di Ethereum.

Come funziona Ethereum?


Si potrebbe affermare che ci sono sempre due Ethereum: l'Ethereum come funziona oggi e l'Ethereum che gli sviluppatori sperano di completare un giorno quando termineranno la loro roadmap. 

Sebbene Ethereum abbia fatto molto dal suo lancio, avvenuto nel 2015, è importante ricordare che non tutte le funzionalità proposte sono state implementate.

Blockchain di Ethereum

Oggi Ethereum utilizza il mining Proof-of-Work (in cui i computer bruciano energia per risolvere i puzzle necessari a creare i blocchi) per alimentare la sua blockchain. I miner inseriscono le transazioni in nuovi blocchi ogni 12 secondi circa.

Gli sviluppatori scrivono programmi (smart contract) in Solidity o Vyper, i linguaggi di programmazione del progetto, e poi distribuiscono questo codice sulla blockchain di Ethereum. 

Tutti i nodi (i computer che eseguono il software) mantengono una copia della Ethereum Virtual Machine (EVM), un compilatore che traduce gli smart contract scritti in Solidity e Vyper ed esegue le loro modifiche nelle transazioni sulla blockchain. 

Nel 2016, un gruppo di utenti di Ethereum ha rifiutato una proposta di aggiornamento del codice, scegliendo di continuare a eseguire il codice più vecchio. Di conseguenza, è stata creata una nuova criptovaluta chiamata Ethereum Classic.

Proof-of-Stake

Con il passaggio a Ethereum 2.0, Ethereum prevede di modificare il suo sistema operativo di base, passando a un sistema chiamato proof-of-stake (PoS). 

Con il modello proof-of-stake, ogni utente che possiede un minimo di 32 ETH può bloccare questi fondi in un contratto, che poi guadagnerà ricompense per la risoluzione dei calcoli necessari ad aggiungere nuovi blocchi alla blockchain. 

Maggiori dettagli su questa transizione sono disponibili in un rapporto di Kraken Intelligence del 2020.


Cosa conferisce valore a ETH?

La principale criptovaluta che alimenta Ethereum si chiama ether. Una parte viene coniata in ogni blocco e distribuita ai miner. 

In particolare, Ethereum non pone un limite alla quantità di ether che può essere coniata. Piuttosto, l'offerta di ether è programmata per aumentare del 4,5% ogni anno, con 2 ETH coniati a ogni blocco. 

Questa ricompensa è stata diminuita due volte nella storia del network e originariamente era stata fissata a 5 ETH. 

Le modifiche alla politica monetaria sono generalmente proposte dagli sviluppatori. I nodi e i miner che eseguono il software possono quindi accettare o rifiutare di aggiornare il loro software per accettare la modifica. 

I miner guadagnano ETH anche sotto forma di commissioni per i calcoli elaborati dal network. Le commissioni non vengono pagate in ETH, ma in "gas", una speciale unità di calcolo. 

Più complesso è il calcolo, più gas richiederà un determinato programma. 

Ciò significa che tutte le applicazioni o i protocolli che operano su Ethereum devono acquistare e spendere continuamente Ether, creando una domanda continua di questo asset.

Perché usare Ethereum?


In un periodo in cui molte criptovalute hanno fatto fatica a generare un unico caso d'uso, Ethereum si è distinto per le diverse fasi di forte domanda che ha vissuto. 

Blockchain private 

Le principali banche e istituzioni sono state tra le prime ad adottare Ethereum. Hanno sfruttato il suo codice open source per creare proof-of-concept e iniziative di ricerca e sviluppo nel 2015 e 2016.

Coloro che non hanno copiato il codice di Ethereum si sono spesso ispirati al suo approccio. Tra questi, Hyperledger della Linux Foundation e Corda di R3, progetti che hanno copiato parti dell'architettura di Ethereum, ma hanno accantonato l'idea di creare una nuova criptovaluta.

Le maggiori banche e le aziende avrebbero poi appoggiato Ethereum in modo più diretto creando la Enterprise Ethereum Alliance, un'organizzazione no-profit il cui scopo, alla sua creazione nel 2017, era collegare le numerose blockchain delle banche private con la blockchain principale di Ethereum. 

ICO

Nel 2017 gli imprenditori si sono affacciati su Ethereum con la tesi che la piattaforma potesse essere utilizzata per la raccolta di fondi creando nuove criptovalute e vendendole ai consumatori globali in quelle che sono state chiamate "offerte iniziali di monete" (ICO).  

Le ICO hanno sfruttato la possibilità che Ethereum offre agli sviluppatori di creare nuove criptovalute sulla sua blockchain, utilizzando gli standard dei token senza creare da zero una nuova base di codice.

I progetti intraprendenti che ora hanno le loro blockchain e criptovalute attive (come Tron e OmiseGo) venivano lanciati come token su Ethereum, fornendo in seguito nuove tecnologie.

DeFi

La più recente ondata di innovazione del network, la finanza decentralizzata (DeFi), ha visto gli imprenditori utilizzare Ethereum per creare protocolli che replicano i servizi finanziari tradizionali.

Tra questi ci sono progetti come MakerDAO, che ha progettato un protocollo che decentralizza la gestione di una criptovaluta agganciata al dollaro americano. Altri progetti DeFi hanno cercato di automatizzare e decentralizzare servizi finanziari come prestiti e mutui.

Inizia


Ora sei pronto per fare il passo successivo e acquistare un po' di Ethereum!